Progetto

Tutto è iniziato bussando, pardon suonando, alla porta di una delle tante Case d'Accoglienza in cui sono presenti le sorelle Clarisse Francescane Missionarie del SS. Sacramento. Da sempre queste sorelle sono mani, sorrisi, braccia per ragazze madri e/o bambini abbandonati a cui la vita non ha dato nulla, ma invece ha chiesto tanto. Noi abbiamo deciso di aggiungere quel poco che avevamo, il nostro entusiasmo, e quel poco che mancava, la musica, pensando, come è poi accaduto, che sarebbe stato bellissimo vedere cantare per i corridoi di quella casa le mamme con i bambini e credendo fermamente che anche questa esperienza sarebbe stata utile per rialzare e costruire un rapporto madre-figlio a volte incerto.

Vi starete chiedendo ora cosa vogliamo fare oggi con la nostra musica, semplice: vorremmo che vi uniste tutti al nostro canto di gioia e di speranza.

In questa occasione vorremmo provare ad organizzare una raccolta fondi per 2 ragioni principali:

  • la prima ragione è quella di sostenere entrambe le comunità rumene, sia l'avviata casa "Il sorriso di Mariele" a Braila, che la comunità di Prajesti che sta provando a muovere i suoi primi passi
  • la seconda ragione è quella di provare ad attrezzare un'aula informatica presso la casa d'accoglienza Madre Serafina Farolfi dove fare lezione alle mamme e provare a dare ad ognuna di loro una speranza in più di "Rialzarsi" e riprendere il cammino in questa vita dopo alcune cadute.

Nella casa ci si occupa attualmente di vari aspetti dalla ricostruzione dell'identità femminile alla relazione madre figlio, questo potrebbe essere un aspetto in più.

image

Fare musica stanca ed emoziona ed è per questo che ogni lezione si conclude con una ninna nanna rilassante... Ognuno trovi quindi un posto comodo, si stenda e... si rilassi ora un po'